Per informazioni e prenotazioni
Chiama lo 0027 716 123 637

Non riesci proprio a venire? Regalati un corso e-learning con le nostre insegnanti madrelingua!

Welcome to Cape Town: il benvenuto musicale e colorato delle street band

 

Welcome to Cape Town: appena arrivati nel Western cape può capitare di sentirsi nel posto sbagliato, forse a New Orleans, con i menestrelli che ti girano attorno suonando i loro strumenti a ritmo di un misto di jazz e di blues. Ma poi le parole della canzone sono chiare “Welcome to Cape Town, let see you smiling…”. E poi prosegue “sunshine, beaches, vineyards, the good times say hello there, under table mountain, big and blue, Cape Town welcomes you”.

Come accoglienza non è male e si comincia ad assaggiare il clima di apertura del Sudafrica. Le bande mudicali di strada sono anche gli animatori del Carnevale con il quale a Cape Town si festeggia l’arrivo del nuovo anno, il 2 di gennaio. E’ il primo carnevale dell’anno in tutto il pianeta.

I primi menestrelli arrivarono dagli Stati Uniti in Sudafrica nel 1890 con lo sbarco di Orpheus Myron McAdoo e delle Virginia Jubilee Singers: sei uomini e quattro donne che girarono il Paese per un decennio e che rivoluzionarono la storia della musica sudafricana e introdussero nuove strutture armoniche in quelle tradizionali di Zulu e Xhosa. Da allora quei ritmi sincopati sono entrati nella realtà sudafricana, sono diventati il battere e il levare della protesta degli schiavi e dei neri. E contribuirono alla diffusione della isicathamiya, uno stile canoro nato nella comunità Zulu che indica il canto a cappella.

Nel 1939, il musicista Zulu Solomon Linda lanciò la canzone Mbube, il leone: fu un successo internazionale che ancora oggi macina diritti d’autore essendo stata ripresa in oltre 160 cover tra cui le famose Wimoweh (Pete Seeger, 1952) e The Lion sleeps Tonight (The Tokens, 1961). Dalle parti di Broadway e di Walt Disney sono tra le più musicate. 

A Johannesburg e a Durban si svolgono ogni anno importanti concorsi isicathamiya con oltre 30 gruppi corali impegnati dal tramonto al mattino successivo. 

Non riesci proprio a venire? Regalati un corso e-learning con le nostre insegnanti madrelingua!